Profilo Candidato

Antonio Candiello

54 anni, nato a Venezia e residente a Marghera

Presentazione

Ho 55 anni, sono sposato con due figli e vivo a Marghera (Venezia), area dalle molteplici criticità ambientali, alcune delle quali ho provato ad affrontare in prima persona utilizzando anche gli strumenti tecnici e di conoscenza di cui dispongo – sono un fisico, ho competenze informatiche e di organizzazione aziendale.
Sono risultato uno dei due candidati non eletti alle elezioni di marzo 2018 al Senato della Repubblica per il Movimento 5 Stelle nel collegio plurinominale Veneto-01.

In coerenza con i valori del Movimento 5 Stelle, ritengo di poter mettere a servizio della comunità: (a) la conoscenza tecnico-scientifica connessa al percorso formativo, professionale e nella ricerca, anche internazionale, (b) l’esperienza sui temi economici, nelle tecnologie digitali, e sulle connesse implicazioni organizzative, nonché (c) l’azione diretta a tutela dell’ambiente dal rischio chimico, dall’inquinamento, dal global warming condotta in collaborazione con le associazioni territoriali.

Si tratta di azioni non solo programmate per il futuro, ma parzialmente già messe in atto nel passato e nel presente. In qualità di cittadino attivo, per reagire alle emergenze ambientali, quindi con le associazioni ambientaliste locali, poi come attivista dell’M5S veneziano ed anche supportando i portavoce ai diversi livelli (municipale, comunale, regionale e nazionale). Ma anche professionalmente, contribuendo in prima persona su diversi progetti europei nei temi dell’innovazione. Coordinando progetti di ricerca astratta ma anche applicata. Cercando di portare a convergenza istanze delle Imprese, delle Università e degli Enti di Ricerca e anche delle Pubbliche Amministrazioni, ciascuna con le proprie complessità e le proprie esigenze. Perché spesso è un problema di intercomunicabilità e di interpretazione dei diversi linguaggi in essere in ciascuna di queste componenti della società. Con il fine ultimo di portare dei risultati concreti ai cittadini.
NB: di quanto ho appena citato vi sono espliciti riferimenti documentati (interviste, articoli, libri, atti dei convegni) che possono essere ricercati partendo dagli elenchi presenti nel mio blog e nei miei siti curriculari.

L’intento è quello di favorire una transizione del nostro Paese verso un modello più fattivamente innovativo e sostenibile, con un grande piano per nuove infrastrutture digitali, smart cities, mobilità elettrica, riduzione dei consumi, dematerializzazione della PA, innovazione di processo e di prodotto e creazione di opportunità per le giovani generazioni nei settori più avanzati. Liberando finalmente tutte le potenzialità connesse a competenze, professionalità, saperi e conoscenze e mobilitando circuiti virtuosi tra Università, Imprese e PA sui temi della creatività e dell’innovazione che dovrebbero caratterizzare un Paese avanzato come il nostro.

Curriculum Vitae

Laureato in fisica con 110 e Lode, ho conseguito un PhD (dottorato) in fisica teorica, quindi mi sono occupato di ricerca nell’ambito delle alte energie, gravità e teorie di grande unificazione in contesti internazionali. Ho partecipato a progetti europei (Framework Programme 7) su digitale, big data e cloud computing con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN); ho coordinato progetti regionali di eGovernment per l’Università Ca’ Foscari di Venezia maturando una specifica conoscenza della Pubblica Amministrazione e sull’imminente transizione digitale sottesa dal Codice Amministrazione Digitale che poi ho utilizzato per supportare processi di formazione tra pari nei circuiti della PA locale, attività che svolgo tuttora in forma consulenziale. Dal 2014 insegno Economia e Organizzazione Aziendale all’Istituto Universitario Salesiano Venezia (IUSVE); dal 2018 insegno Ambiente e Salute al Corso Avanzato di Formazione Politica dell'Università di Padova.

Ho all’attivo numerosi (circa settanta) articoli scientifici (in lingua inglese, di cui diversi referati) e divulgativi e varie pubblicazioni come autore e coautore, tra cui le seguenti monografie (libri ed ebook): il libro di testo del corso, Economia, organizzazione e qualità (Venezia 2016), l'ebook Misurare l’innovazione digitale (Venezia 2015), lo studio Donne e Tecnologie Informatiche (Venezia 2012), il libro tecnico Qualità e tecnologie informatiche per l’innovazione nelle PMI (Milano 2006), Socialità in movimento (Padova 2006) e Laboratorio Marghera tra Venezia ed il Nord Est (Venezia 2006) dove raccontiamo la rinascita ambientale a Marghera guidata dai cittadini.

Incarichi di formazione: ho una pluridecennale esperienza di formazione avanzata, professionale ed accademica. Si tratta di corsi che ho tenuto di volta in volta per Università (Università di Padova dal 2018 e nel 2009, IUSVE-STC dal 2014, Università “Ca’ Foscari” di Venezia 2006-2014, Venice International University 2009-2010), per i principali Enti di formazione abilitati del Veneto (CUOA Business School, ECIPA/CNA, EDUFORMA, EFA, Kairós, Forema, Kantea, Cesar, ISFID); per diverse Scuole Secondarie di II grado del Veneto, per alcune Pubbliche Amministrazioni e per diverse Aziende. Alcune delle materie: Politica e Ambiente; Economia ed Organizzazione Aziendale; Industria 4.0, Open Data e Big Data; Competenze Digitali e PA; Qualità/Iso 9000 ed Informatica, IT Governance & IT Service Management; Software Engineering, Sistemi Informativi, Progettazione, Sviluppo, Modellazione in UML e Programmazione; Sistemi Integrati Qualità/Ambiente / Energie Rinnovabili, Iso 14000, Corporate Social Responsibility ed Etica d’Impresa; Fisica. Sono attualmente coordinatore del processo di formazione tra pari negli Enti Locali del Veneto “Sviluppo delle Competenze Digitali” (CAD, GDPR, SPID, documento informatico, sicurezza informatica, SIT, pagamenti elettronici, trasparenza, fattura elettronica, etc), per conto della Regione Veneto (2017/2018).

Incarichi di consulenza ed attività in azienda: supporto le imprese da oltre vent’anni sui temi organizzativi e di processo e specificamente sulla certificazione ISO 9001, soprattutto in relazione con le tecnologie. Ho supportato aziende anche in ambito ISO 14000 (ambiente) ed ISO 27000 (sicurezza) ed ITIL/ISO2000.

Incarichi di ricerca: ho all'attivo numerose esperienze di ricerca applicata e teorica in ambito internazionale, europeo, nazionale, regionale, in ambito scientifico e tecnico.
2006-2014, coordinatore del Laboratorio di eGovernment per la Regione Veneto, con relazione a convegni internazionali e pubblicazioni su riviste referate, per l’Università “Ca’ Foscari” di Venezia, Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica, ACADIA eGovernment Lab;
2007-2014: conduzione di Progetti Europei (EGEE/EGI) sulle infrastrutture di ricerca ICT, Cloud & Grid Computing, HPC e Big Data, con relazione a convegni internazionali e pubblicazioni su riviste referate, per l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), sezione di Padova;
fine anni ’90: Ricerca su reti neurali e biofisica per la Scuola Superiore di Studi Avanzati (SISSA/ISAS) di Trieste;
primi anni ’90: ricerca nella fisica delle alte energie, modelli unificati, (super-)gravità e superstringhe, con relazione a convegni internazionali e pubblicazioni su riviste referate per l’Università di Padova, Dipartimento di Fisica.

NB: la conoscenza dell'inglese, di livello B1, non è certificata da un esame ma è attestata dalle numerose pubblicazioni in lingua inglese e dalle presentazioni congressuali e conduzioni di meeting europei ed internazionali in prima persona.

Curriculum Attivista

Sono attivo nel meetup di Venezia GrilliVenezia sin da quando, nel 2007, Beppe Grillo mi coinvolse personalmente per testimoniare la nostra esperienza di cittadini attivi dal 2002 contro il rischio chimico di Marghera. Il rapporto con il meetup veneziano si è consolidato in particolare nelle azioni svolte nell’ambito del gruppo di lavoro ambiente, energia e rifiuti. Sono da quasi vent’anni in stretto collegamento con diverse realtà locali che hanno a cuore l’ambiente, inizialmente sui temi del rischio chimico, quindi sui temi di Porto Marghera. Ultimamente, con il forum dell’aria (di cui sono cofondatore) abbiamo attivato, primi in Veneto, una rete indipendente di centraline (attualmente 10) gestite dai cittadini per la misurazione in continua di pm10 e pm2,5 con i dati accessibili via web.

Di seguito un estratto dell’elenco cronologico delle attività:

2019/gennaio, prima campagna di rilevazione indipendente dell’inquinamento e successiva presentazione delle analisi e confronto con le rilevazioni ufficiali con il Forum dell’Aria;
2018/settembre, posizionamento progressivo di dieci centraline indipendenti di misurazione di pm10 & pm2,5 con il Forum dell’Aria e con il coinvolgimento di GrilliVenezia;
2018/febbraio, organizzazione e partecipazione evento Respiro Libero (vedi intervista Tg3R) come Forum dell’Aria coinvolgendo il GdL Ambiente GrilliVenezia;
2017/ottobre, sollecitazione come Forum dell’Aria a intervenire a riduzione delle pm10 sulla stampa locale;
2017/aprile, organizzazione e partecipazione evento metropolitano aperto InFormAzione su inquinamento luminoso, illuminazione pubblica e danni alla salute coinvolgendo portavoce regionali e comunali e sindaci M5S;
2017/febbraio, sopralluogo con le consigliere regionali e comunali per verificare lo stato delle colonnine di ricarica elettriche a Venezia;
2017/gennaio, organizzazione e conduzione evento metropolitano interno attivisti InFormAzione su Veritas e legge elettromobilità, direttiva DAFI con portavoce regionali, comunali e sindaci M5S;
2017/gennaio, supporto per mozioni/interrogazioni di M5S in regione e comune per la non applicazione legge su infrastrutture di ricarica per auto elettrica;
2017/gennaio, innovazione, Veneto, analisi del problema dei fondi POR FESR 2014-2010 post “Sostegno all’innovazione ed alla ricerca in Veneto: criticità quantitative e qualitative” e supporto mozioni/interrogazioni di M5S in regione;
2017/gennaio, flashmob “Spolveriamoci” con le scope contro lo smog a Marghera con il GdL Ambiente GrilliVenezia;
2016/dicembre, ambiente, bonifiche, Marghera, analisi e denuncia sui giornali dell’inesistenza dei fondi del Patto per Venezia (cfr. post) e analisi dei tanti Patti (cfr. post) per città metropolitane e regioni;
2016/dicembre, articolo/intervista su “La Nuova Venezia”, “Fondi per il marginamento indisponibili”;
2016/settembre, flashmob “No Inceneritor Day” contro le ipotesi di un inceneritore Veritas a Marghera, cfr. post;
2016/settembre, ambiente, presentazione alla stampa ed alle Istituzioni del dossier “Bonifiche a Marghera” con il Gruppo di Lavoro Ambiente del meetup “Grillivenezia”, cfr. mozione in Comune di Venezia;
2016/febbraio-aprile, organizzazione dei quattro incontri “Toxic Venice”, con il GdL Ambiente del meetup “Grillivenezia”, cfr. post e presentazione video;
[…] vedasi blog […]
2007/dicembre, organizzazione/partecipazione manifestazione “Spolveriamoci 3.0” davanti alla centrale a carbone “Volpi” di Marghera di GrilliVenezia e associazioni ambientaliste;
2007/settembre, testimonianza dell’impegno a difesa dell’ambiente nello spettacolo di Beppe Grillo di Jesolo;
[…] vedasi blog […]
2003/settembre, emissione della prima newsletter/mailing list periodica (settimanale/quindicinale) dell’Assemblea Permanente contro il Pericolo Chimico che da quel momento gestirò personalmente (con diverse centinaia di emissioni); vengono attivati altri strumenti come un sito web e, poi, alcuni documenti informativi;
2002/dicembre, biciclettata di protesta da Marghera verso lo stabilimento Dow Chemical con consegna della lettera in stabilimento;
2002/novembre, dopo il grave incidente alla Dow Chemical di Porto Marghera dove si è corso il rischio della fuoriuscita del letale fosgene, nasce un comitato cittadino che si da’ il nome di “Assemblea Permanente contro il Pericolo Chimico”. Da quel momento il comitato si è incontrato con continuità ed ha organizzato ogni sorta di approfondimenti, azioni e manifestazioni pubbliche a tutela della salute e della sicurezza dei cittadini dal rischio chimico.

Esperienze Politiche

Sono stato uno dei due candidati non eletti alle elezioni di marzo 2018 al Senato della Repubblica per il Movimento 5 Stelle nel collegio plurinominale Veneto-01. In relazione a tale candidatura ho partecipato (spesso coorganizzato) numerosi incontri elettorali su richiesta dei meetup locali tra Rovigo, Belluno, Treviso e Venezia (le aree di competenza del collegio) cercando di diffondere conoscenza sulle criticità ambientali del nostro territorio ma anche sulle grandi opportunità offerte dalla green economy per le nostre aree.

Sono attivo da oltre dieci anni con il meetup GrilliVenezia e in alcuni Gruppi di Lavoro (GdL) interni al meetup tra cui in particolare il GdL Ambiente e Rifiuti nell’ambito del quale abbiamo elaborato il Dossier sulle Bonifiche di Porto Marghera che è stato poi consegnato dai nostri portavoce al Prefetto ed alla stampa, stanti i diversi punti aggiuntivi emersi rispetto alla relazione parlamentare.

Sono attivo anche con le associazioni, attualmente con il Forum dell’Aria sui temi dell’inquinamento dell’aria e precedentemente con le realtà ambientaliste di Marghera sui temi del rischio chimico e dell’inquinamento industriale. Approfondisco da diversi anni tutto ciò che riguarda riduzione dell’inquinamento e dei rifiuti, green economy, innovazione e tecnologie per l’ambiente, mobilità elettrica, contenimento del global warming. In alcuni casi ho trasformato questo interesse in attività di divulgazione tramite scritti ed eventi. Su questi temi ho fornito esplicito supporto ai portavoce dell’M5S a livello comunale, regionale e nazionale e nel contesto locale ho contribuito all’organizzazione di eventi dedicati (eventi in ambito M5S veneziano: Toxic Venice, InFormAzione, GrilliVenezia, eventi in campagna elettorale).

Le azioni da me condotte a supporto dei temi ambientali e dell’M5S negli ultimi dieci anni non si è però ristretta solo agli eventi, ma ha sempre incluso anche le attività informative presso i banchetti. La mia esperienza nei banchetti è di lunga data, risale al 2002 (anno del grave incidente di Marghera all’impianto chimico) anno dal quale sono attivo con continuità ed in prima persona a tutela dell’ambiente contro rischio chimico e produzioni inquinanti a Marghera, con petizioni e sottoscrizioni, manifestazioni, scritti e azioni. Prima con le petizioni Via il fosgene, quindi promuovendo il referendum a Venezia contro il ciclo del cloro, poi con le azioni contro l’inceneritore industriale e urbano (ne avevamo cinque in zona), con le manifestazioni per il no al carbone, contro l’inquinamento da pm10, per una migliore gestione dei rifiuti e così via. Le azioni spesso hanno avuto come necessario complemento l’interazione da parte nostra (come cittadini e associazioni), con le amministrazioni locali per spiegare (alle commissioni o ai consigli comunali) i rischi esistenti.