Profilo Candidato

Luca Ciarrocca

65 anni, nato e residente a Roma

Presentazione

Cosa porto come 'valore aggiunto' alle prossime elezioni per il Parlamento Europeo? Avendo vissuto all'estero per molti anni, ma per lavoro in quotidiano contatto con l'Italia, ho una visione globale delle vicende politiche nazionali ed internazionali. Per molti anni ho fatto il giornalista, specializzato in economia e finanza. Fu un azzardo lasciare i quotidiani tradizionali per lanciare da New York uno start-up, un sito economico ideato sui concetti di contro-potere e di finanza etica, ma ha pagato. 'Wall Street Italia' si impose nell'online, con milioni di utenti unici, come ribelle alternativo ma autorevole rispetto al dominante 'Sole 24 Ore'. Confindustria ci temeva perché noi raccontavamo la realtà. Facemmo grandi inchieste e serviizi sulle banche italiane, sull'abuso dei derivati, sugli evasori fiscali e le disuguaglianze tra ultraricchi e poveri. Fu una lotta dura contro i 'poteri forti' del mondo bancario e finanziario. Ritengo quindi che le mie competenze siano: media, internet, social media, big data, hate speech, AI, start-up, oltre a economia, mercati finanziari e sistema bancario. Sarei onorato di poter essere utile al M5S e diventare suo Portavoce. Circa l'Europa, abbiamo bisogno di cambiare: nelle condizioni attuali l'Ue non funziona. Oltre al rispetto per la politica economica di ciascuna nazione, bisogna puntare ad eliminare (al livello di Trattati) l'unanimità di voto chiesta ai 27 paesi per le scelte decisive. Altrimenti è l'incapacità garantita di avere voce in capitolo come nazioni, e come blocco geopolitico. Nel 2018 sono tornato in Italia dopo 30 anni vissuti in America per un solo motivo: amo il mio paese e credo fermamente nelle enormi potenzialità degli italiani. Penso che questo sia un momento storico cruciale per proseguire, ed accentuare, il cambiamento già in atto. Per questo voglio impegnarmi, voglio far vincere le idee di Grillo e Casaleggio. L'attuale fase di maturazione del MoVimento 5 Stelle, sia al governo che nei modi di pensare della gente, deve renderci forti. Per arginare e rintuzzare i numerosi tentativi che vedremo di contro-reazione.

Curriculum Vitae

INFORMAZIONI PERSONALI

Luca Ciarrocca - città: Roma - email: luca.ciarrocca@gmail.com - telefono: +39 348 304 5313

ESPERIENZE DI LAVORO

- presente: responsabile di White House Memo, sito in inglese di geopolitica mondiale
- blogger Il Fatto Quotidiano

- Ottobre 1999 – ottobre 2014 Founder e CEO di Wall Street Italia, New York
- Luglio 1996 – Luglio 1999 Redattore Ansa, collaboratore L’Espresso e The Street, New York
- Maggio 1991 – Luglio 1996 Corrispondente Il Giornale, da New York
- Marzo 1987 – Maggio 1991 Corrispondente ItaliaOggi, da New York
- Ottobre 1986 – Marzo 1987 Redattore di Economia e Finanza Il Mondo, Rizzoli, Milano
- Luglio 1985 – Settembre 1986 Redattore di Economia e Finanza Mondo Economico-Sole 24 Ore

ISTRUZIONE E FORMAZIONE

2016 - edX Massachusetts Institute of Technology, Verified Certificate for ‘Just Money: Banking as if Society Mattered’.

1985 - Master in Business Administration con specializzazione in Finanza alla SAA (Scuola di Amministrazione Aziendale) dell'Università di Torino, Corso di Perfezionamento in Gestione.

1986 – Esame da giornalista, e Iscrizione all’Ordine dei Giornalisti Professionisti, Roma.

1979 - Laurea in Giurisprudenza all'Università La Sapienza di Roma, con tesi in Filosofia del Diritto.

1972 - Diploma di Maturità Classica, Liceo Giulio Cesare, Roma

COMPETENZE PERSONALI

Lingua madre: italiano

Lingue Straniere:

Inglese

comprensione C2 lettura C2 parlato C2 scritto C1

Spagnolo

Comprensione C2 lettura C1 parlato C1 scritto B2

Francese

Comprensione B2 lettura B2 parlato A2 scritto A2

Competenze comunicative:

capacità di parlare in pubblico. Radio (GR1 in diretta ogni giorno da New York per 7 anni), e talk show Tv.

Competenze organizzative e manageriali

Ho gestito per 15 anni una start-up dell’internet con 35 dipendenti, come Ceo e direttore responsabile.

Altre informazioni:

1997: vincitore del premio giornalistico "Premiolino".
2016: vincitore dell'ottavo Premio Amerigo/ENAM Journalism Award per la sezione Siti Web.

PUBBLICAZIONI:

Luglio 2018 - "Intervista sulla Cina" (Gangemi) - Come convivere con la nuova superpotenza globale: è un saggio sulle ambizioni di Pechino e il suo crescente potere nella contesa con Stati Uniti, Russia ed Europa.

Settembre 2015 - "Rimetti a noi i nostri debiti" (Guerini) – Europa ed euro: cambiare, evitando il default dell’Italia: è un lavoro sul debito pubblico italiano che propone un "QE per il popolo" (le banche centrali dovrebbero elargire denaro direttamente ai cittadini e non alle banche).

Novembre 2013: "I padroni del mondo" (Chiarelettere) - Come la cupola della finanza mondiale decide il destino dei governi e delle popolazioni. Best seller ristampato in 5 edizioni, è radicalmente critico nei confronti delle banche centrali e dello strapotere delle banche commerciali, dalla crisi finanziaria del 2008 a oggi, ed esamina gli scompensi economici e sociali causati dall'austerity imposta dall’Ue all'Italia.

Novembre 2001: "Investire in tempo di guerra" (Nutrimenti) – Come difendersi da terrorismo e recessione, instant book sull'economia mondiale dopo l'attacco alle Torri Gemelle.

Curriculum Attivista

Sono stato un attivista appassionato, sul lavoro e nell'ambiente dei contatti sociali, e porto avanti da almeno sette anni idee e temi in totale sintonia con il MoVimento 5 Stelle. Ho votato M5S la prima volta alle politiche del 2013 ma non posso parlare di attività sul territorio, come volontario. Ho preferito (anche perché ero all'estero) combattere per le idee del MoVimento come direttore di una testata online come 'Wall Street Italia'. Ho combattuto tutti i giorni l'establishment dei vecchi partiti e delle lobby economico-finanziarie. Ho ricevuto querele per diffamazione da criminali, corrotti e bancarottieri della finanza solo per aver smascherato le loro losche trame (non ho mai perso una causa). Ho fatto una guerra continua e motivata contro i grandi ricchi, l'evasione fiscale e le disuguaglianze, contro lo strapotere delle banche centrali e di Banca d'Italia (la post-fazione al libro di Elio Lannutti "La Banda d'Italia" - Chiarelettere - è mia). Nel mio libro del 2015 "Rimetti a noi i nostri debiti" (Guerini) - Europa ed euro: cambiare per evitare il default dell'Italia, con prefazione di Giulio Sapelli, ho proposto la tesi di un "QE per il popolo", che somiglia molto al Reddito di Cittadinanza. Il progetto è che la BCE assegni ai cittadini europei un contributo di diverse centinaia di euro al mese. Invece di salvare a suon di miliardi banche corrotte e mal gestite, aziende decotte e speculatori, la Banca centrale europea dovrebbe elargire i soldi direttamente al popolo, per rimettere in circolo il denaro e ridare fiato ai consumi. Tra i progetti realizzati, è stato un onore essere segnalato nel gennaio 2015 in una lista informale del M5S con i nomi dei candidati al Quirinale. Sono stato poi chiamato nella scorsa legislatura dal Portavoce Gianni Girotto come componente di un gruppo di ascolto sulle tematiche della Commissione Bicamerale di Inchiesta sulle Banche, insieme ad altri paladini della finanza etica come Andrea Baranes, Andrea Di Stefano, Gabriele Giuglietti (Banca Etica) e Gianni Fortunati (CAES). Sono amico e collega del Portavoce Gianluigi Paragone, che mi ha invitato varie volte a parlare al suo ex talk show "La Gabbia" di economia e banche, "QE per il popolo", e dello strapotere non democratico delle banche centrali. Ho partecipato al 16esimo seminario di Parole Guerriere "Comunicare il cambiamento" organizzato a Roma dal M5S con Roberto Fico, Marcello Foa, Fabrizio Salini, Dalila Nesci e Marco Guzzi. Appena troverò il tempo seguirò su Rousseau il corso base di E-Learning per Portavoce al parlamento europeo. Porto avanti le mie battaglie sull'etica in finanza e in politica scrivendo per un blog su "Il Fatto Quotidiano", giornale che mi garantisce assonanza di idee. Infine in ogni riunione pubblica, convegni o seminari in cui il soggetto è la politica, italiana o europea, sono fiero di sostenere il progetto del MoVimento 5 Stelle. E combatterò perché continui ad essere così.

Esperienze Politiche

Non ho esperienze politiche nel senso tradizionale del termine.