Profilo Candidato

Viviana Dal Cin

40 anni, nata a Vittorio Veneto e residente a Trieste

Presentazione

Dopo il pugno alla gola della mancata elezione di Rodotà a Presidente della Repubblica e la riconferma di Napolitano, è stato chiaro per me che era giunto il momento di agire, perché arriva un momento in cui non basta più avere un'opinione ma bisogna partecipare. E il Movimento era l’unica scelta possibile.
Aver vissuto in diversi Paesi del mondo, anche disagiati, lontani dalle nostre abitudini e comodità o preda di tragici conflitti civili, ha accresciuto in me passione e sensibilità per l’umanità nei suoi aspetti sociali, economici e internazionali.
Ciò che mi muove è la determinazione a superare confini geografici e mentali, quelli che prova a imporci la storia raccontata dal vincitore, che possiede l’informazione.
A disposizione della nostra causa, per la ricerca ostinata degli obiettivi in cui ci riconosciamo, metto competenza tecnica finanziaria maturata nello studio e in oltre 15 anni di lavoro in un gruppo internazionale, propensione a lavorare sodo, tenacia e, sì, anche onestà intellettuale.
Per un’Europa dei popoli e non delle èlite economiche e diplomatiche.
Per un’Europa di persone finalmente partecipi e non passive spettatrici, che con coraggio rigettano al mittente il pensiero unico con cui vorrebbero tanto inscatolarci, fatto di liberismo selvaggio, profitto per il profitto, esasperazione della competizione tra poveri, disumanizzazione della società.
Perché l'Europa che nascerà dal prossimo voto dovrà essere un'Europa diversa e migliore.

Ad esempio, un dogma da scardinare è la paradossale regola di Maastricht secondo cui il debito/Pil non deve superare il 60%.
Se il settore privato risparmia molto, quello pubblico dovrà aumentare i consumi per finanziare gli investimenti, aumentando quindi il debito pubblico: Paesi con elevato tasso di risparmio avranno un rapporto debito/Pil più alto rispetto a Paesi con maggiore propensione al consumo.
E i dati sconfessano pure il luogo comune che i Paesi con un grande debito pubblico pagano più alti tassi di interesse (che rappresentano un indicatore di stress finanziario): è esattamente l’opposto, la correlazione tra debito e tassi di interesse è negativa (solo a titolo di es. le crisi in Russia e Messico si sono manifestate con rapporto debito/Pil molto basso, mentre il Giappone, con il 250% di debito/PIL, ha tassi di interesse vicini a zero).
E’ insensato giudicare la solidità finanziaria di un Paese esaminando esclusivamente il livello di debito, senza considerare la struttura di accesso ai capitali, il tasso di risparmio domestico e la natura della formazione del debito.

Curriculum Vitae

Nata il 22.09.1978 a Vittorio Veneto (TV), nubile

Lavoro
Attualmente a Trieste, in area Investimenti di un gruppo assicurativo internazionale, per la definizione della strategia di investimento dei portafogli assicurativi
Dal 2017 per il Programma di Cooperazione V-A Interreg Italia-Slovenija 2014-2020 accreditata esperto indipendente per la valutazione di qualità delle proposte progettuali
2013-2015: a Praga, Repubblica Ceca, in area Investimenti di gr. assicurativo internaz. per la strategia di investimento dei portafogli dell'Europa centro-orientale
2011-2013: a Trieste, in area Finanza di gr. assicurativo internaz. per l'allocazione strategica degli investimenti
2008-2011: a Trieste, in area Finanza di gr. assicurativo internaz. per l’emissione di obbligazioni e altri strumenti di debito, derivati per l'ottimizzazione del debito, efficientamento del capitale, gestione della liquidità
2010: training a Londra presso primarie banche di investimento internazionali per strutturazione del debito e dei suoi derivati, fusioni e acquisizioni di compagnie (M&A)
2003-2008: a Trieste, presso istituto bancario in Crediti e Risparmio Amministrato
1998-2003: varie esperienze lavorative in Italia e Australia (The White Cockatoo, Queensland)

Istruzione
2015 INSEAD, Global Future Leadership Program, Fontainbleau
2010 CQF, Certificate in Quantitative Finance (Master), Londra
2008 LSE, Business Presentation, Londra
2003 Laurea vecchio ordinamento in Economia del Commercio Internazionale e dei Mercati Valutari, indirizzo economico, Università degli Studi di Trieste, tesi in Diritto Commerciale Internazionale su sostenibilità finanziamenti a energie rinnovabili
1997 Maturità Liceo Scientifico PNI, M. Flaminio di Vittorio V.

Sport
yoga (3°anno corso istruttori UISP), nuoto, speleologia

Interessi
Avendo vissuto in diversi Paesi del mondo per impegni di lavoro della mia famiglia ho potuto comprendere quanta importanza assuma la conoscenza di culture e condizioni diverse dalla propria e continuo a nutrire interesse per viaggi e attualità italiana ed estera

Curriculum Attivista

Ancora prima che nascesse il M5S ne condividevo le speranze per un'Italia più equa ma solo rientrata da impegni lavorativi all'estero mi sono dedicata dall'attivismo, prendendo parte a ogni iniziativa del meetup Trieste5Stelle (di cui da poco meno di un anno sono divenuta organizer): dalla campagna elettorale comunale di Trieste a numerosi incontri promossi a livello regionale o nazionale (ad es."SUM#01, Capire il Futuro" a Ivrea).

Con particolare entusiasmo ho organizzato eventi per il NO alla Riforma Costituzionale (alcuni dei quali tra i più partecipati), perché il nostro quadro di valori deve essere la Costituzione, nel rifiuto di ogni totalitarismo, politico, economico e religioso.

Con i portavoce comunali a Trieste ho approfondito temi quali: aspetti economici della sismicità, Ferriera, Porto e Punti Franchi, Consorzio Industriale.

Al programma per le regionali del Friuli Venezia Giulia ho partecipato a gruppi di lavoro (bilancio, partecipate, autonomie locali, attività produttive) e assemblee regionali. Sono stati mesi intensi di impegno, ripagati dall'aver conosciuto attivisti e portavoce dall'apprezzabile limpidezza di pensiero e valori.

Nell’estate 2017 ho dedicato decine di ore al Presidio Permanente per la chiusura dell'area a caldo della Ferriera di Trieste: ho voluto spendermi in prima persona per dare un fermo segnale in un momento in cui si sarebbe potuto ottenere qualcosa. Quando ho capito che il Presidio Permanente avrebbe chiuso per ferie per non riaprire più mi sono opposta, ma senza successo. L'ennesima occasione perduta per Trieste.

Son scesa a Roma due volte a manifestare contro l'approvazione dell'attuale legge elettorale perché credo fermamente nella democrazia, nella partecipazione e nel potere di coloro che si informano e consapevolmente decidono. E a Roma c’ero anche il 2 giugno con il tricolore perché #ilmiovotoconta.

Dopo aver partecipato da candidata alle ultime elezioni politiche, ho rimesso i panni dell’attivista, spendendomi anche nella campagna per le elezioni regionali in FVG.

Ho proseguito negli ultimi 10 mesi nel ruolo di organizer a Trieste, organizzando diverse attività, tra cui spazzatour (raccolta rifiuti abbandonati), eventi e dibattiti pubblici in collaborazione con i portavoce del territorio. Le risorse spesso sono poche, ma se l’entusiasmo è alle Stelle riesce da solo a rinnovare e far sentire potente il senso di ciò che facciamo.

Senza simboli politici, perché la bellezza è patrimonio universale dell’uomo, con l'indispensabile supporto di alcuni attivisti e portavoce locali, ho promosso e presentato una petizione per la tutela di Piazza Unità d’Italia, indirizzata a Consiglio e Giunta del Comune di Trieste, raccogliendo ai banchetti circa 1600 firme di cittadini e nomi importanti del panorama culturale nazionale.

Esperienze Politiche

Ho avuto l’onore di essere candidata alle elezioni politiche 2018 per il M5S, risultando la prima dei non eletti alla Camera in Friuli Venezia Giulia.
Candidata quale possibile assessore al Bilancio nell'ipotetica Giunta M5S della Regione.
Veicolare il nostro messaggio, come candidata, in incontri con cittadini e dibattiti televisivi e pubblici mi ha appassionata e resa, possibilmente, ancor più orgogliosa di sentirmi parte del Cambiamento.